Via Appia Nuova, 669 | 00179 Roma
0774.377006
0774.580016

Pryma racconta il 28 maggio, Giornata Mondiale del Gioco

Pryma racconta il 28 maggio, Giornata Mondiale del Gioco. Il valore pedagogico del gioco per i bambini è storicamente innegabile. Durante il Covid19 è divenuto ancor più centrale nella vita e nella quotidianità dei nostri figli.

Oggi, 28 maggio, è l’occasione migliore per celebrare il valore pedagogico del gioco. E’ infatti la Giornata Mondiale del Gioco!

Giochi per la creatività, giochi per imparare, giochi per l’attavità fisica: uno strumento fondamentale per l’adattamento dei bambini a questa emergenza e a questo nuovo regime di vita, fatto di restrizioni, ma anche di occasioni per passare più tempo con loro.

Da marzo a maggio c’è stato un ritorno anche ai giochi di una volta, quelli più classici che sono entrati prepotentemente nella routine di tutti i giorni. Questo perchè il periodo dell’emergenza Covid19, ancora in corso, ha richiesto per i bambini proposte progettuali diverse e spunti di aggregazione, socialità e attività motoria differenti. Ed è proprio in questi casi che si ricorre alle tradizioni dei nonni, al bagaglio culturale che ogni famiglia conserva nella memoria.

Pryma racconta il 28 maggio, Giornata Mondiale del Gioco
Nascondino! Pryma

Pryma racconta il 28 maggio, Giornata Mondiale del Gioco. La riproposizione dei vecchi giochi di strada, riproposti anche tra le mura domestiche, ha cambiato la percezione dei bambini: non più periodo di restrizione imposto, ma nuove attività, nuove regole in funzione dei nuovi giochi.

Fin da fine febbraio abbiamo proposto sul nostro blog diverse attività tradizionali, da realizzare riutilizzando creativamente materiali e oggetti comunemente in casa e sfruttando la vasta gamma dei prodotti Pryma

Il ritorno a giochi tradizionali fornirà una grossa risorsa ai bambini anche per il futuro, perché aiuterà a a ripristinare le relazioni sociali fondamentali per il corretto sviluppo psicofisico e sociale dei bambini. Nella speranza di ritornare ad una normalità che preveda sempre meno restrizioni.

Tra i giochi tornati prepotentemente “popolari” menzioniamo “La Campana”, “Un, due, tre stella”, “Il salto della corda”, “La battaglia con la cerbottana”, “Colori e cartoncino” “Il pongo” Un bastimento carico di”, l’immancabile “Nascondino” e tanti altri.

Pryma racconta il 28 maggio, Giornata Mondiale del Gioco. L’idea della Giornata mondiale del gioco fu proposta inizialmente da Freda Kim in qualità di presidente dell’ITLA (Associazione internazionale delle ludoteche) con la conseguente approvazione da parte del comitato, a Seoul nel 1998. Le Nazioni Unite hanno accettato la proposta e fissato la Giornata Mondiale del Gioco nella data del 28 maggio.

Related Posts